Gruppo di lettura Momo

Il blog ufficiale del gruppo di lettura della biblioteca di San Pellegrino (Reggio Emilia)

Visualizza gli articoli pubblicati da francesca

Ecco gli appuntamenti dei prossimi mesi:

  • 25 novembre 2014 - area geografica: WEST COAST (Stati Uniti occidentali)
  • 16 dicembre 2014 - parola in gioco: BUONGIORNO
  • 20 gennaio 2015 - libro condiviso: James Fray, BUONGIORNO LOS ANGELES – Tea

Nell’incontro di dicembre riproponiamo lo scambio natalizio di “aforismi”, frasi scelte da libri che abbiamo amato, da scrivere su bigliettini che andranno sorteggiati tra i partecipanti.

Hermann Hesse, Le stagioni della vita – Mondadori

Jack Kerouac, Bella bionda e altre storie – Mondadori

Roland Barthes, La camera chiara. Nota sulla fotografia – Einaudi

Henry Cartier Bresson, L’immaginario dal vero – Abscondita

George Saunders, Dieci dicembre – Minimum fax

George Saunders, Nel paese della persuasione - Minimum fax

Vasco Pratolini, Le ragazze di Sanfrediano – Bur

Guy de Maupassant, Bel Ami – Mondadori

Thomas Mann, La morte a Venezia – Einaudi

Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray – Einaudi

Hanij Kureishi, Il Buddha delle periferie – Bompiani

Joel Dicker, La verità sul caso di Harry Quebert – Bompiani

Paolo Nori, I malcontenti – Einaudi

Marguerite Yourcenar, Memorie di Adriano – Einaudi

Vasilij Grossman, Vita e destino – Adelphi

Jennifer Egan, Il tempo è un basttardo – Minimum fax

Andre Agassi, Open – Einaudi

Yasmina Reza, Felici i felici – Adelphi

Lauren Groff, Arcadia – Codice

Fabio Stassi, Come un respiro interrotto – Sellerio

Kate Braverman, L’ incantesimo di Frida K. – Tropea

Roberto Saviano, La bellezza e l’inferno – Einaudi

Julia Deck, Viviane Elizabeth Fauville – Adelphi

Daria Bignardi, L’amore che ti meriti – Mondadori

Daria Bignardi, Non vi lascerò orfani - Mondadori

 

MORII PER LA BELLEZZA

Morii per la bellezza, ma ero appena

composta nella tomba

che un altro, morto per la verità,

fu disteso nello spazio accanto.

Mi chiese sottovoce perché ero morta

gli risposi “Per la Bellezza”.

“E io per la  Verità, le due cose sono

una sola. Siamo fratelli” disse.

Così come parenti che si ritrovano

di notte parlammo da una stanza all’altra

finché il muschio raggiunse le labbra

e coprì i nostri nomi.

(Emily Dichinson)

 

ODE SU UN’URNA GRECA

Tu, ancora inviolata sposa della quiete,

Figlia adottiva del tempo lento e del silenzio,

Narratrice silvana, tu che una favola fiorita

Racconti, più dolce dei miei versi,

Quale intarsiata leggenda di foglie pervade

La tua forma, sono dei o mortali, O entrambi, insieme, a Tempe o in Arcadia?

E che uomini sono? Che dei? E le fanciulle ritrose?

Qual è la folle ricerca? E la fuga tentata?

E i flauti, e i cembali? Quale estasi selvaggia?

Sì, le melodie ascoltate son dolci; ma più dolci

Ancora son quelle inascoltate. Su, flauti lievi,

Continuate, ma non per l’udito; preziosamente

Suonate per lo spirito arie senza suono.

E tu, giovane, bello, non potrai mai finire

Il tuo canto sotto quegli alberi che mai saranno spogli;

E tu, amante audace, non potrai mai baciare

Lei che ti è così vicino; ma non lamentarti

Se la gioia ti sfugge: lei non potrà mai fuggire,

E tu l’amerai per sempre, per sempre così bella.

Ah, rami, rami felici! Non saranno mai sparse

Le vostre foglie, e mai diranno addio alla primavera;

E felice anche te, musico mai stanco,

Che sempre e sempre nuovi canti avrai;

Ma più felice te, amore più felice,

Per sempre caldo e ancora da godere,

Per sempre ansimante, giovane in eterno.

Superiori siete a ogni vivente passione umana

Che il cuore addolorato lascia e sazio,

La fronte in fiamme, secca la lingua.

E chi siete voi, che andate al sacrificio?

Verso quale verde altare, sacerdote misterioso,

Conduci la giovenca muggente, i fianchi

Morbidi coperti da ghirlande?

E quale paese sul mare, o sul fiume,

O inerpicato tra la pace dei monti

Ha mai lasciato questa gente in questo sacro mattino?

Silenziose, o paese, le tue strade saranno per sempre,

E mai nessuno tornerà a dire

Perché sei stato abbandonato.

Oh, forma attica! Posa leggiadra! con un ricamo

D’uomini e fanciulle nel marmo,

Coi rami della foresta e le erbe calpestate -

Tu, forma silenziosa, come l’eternità

Tormenti e spezzi la nostra ragione. Fredda pastorale!

Quando l’età avrà devastato questa generazione,

Ancora tu ci sarai, eterna, tra nuovi dolori

Non più nostri, amica all’uomo, cui dirai

“Bellezza è verità, verità bellezza,” – questo solo

Sulla terra sapete, ed è quanto basta.

(John Keats)

 

Ray Bradbury, Farhrenheit 451 – Mondadori

Fedor Dostoevskij, I fratelli Karamazov – Einaudi

James Fray, Buongiorno Los Angeles – TEA

Ildefonso Falcones, La cattedrale del mare – Longanesi

Ken Keyes, Qualcuno volò sul nido del cuculo – Bur

Haruki Murakami, Kafka sulla spiaggia – Einaudi

Patrick Mc Grath, Follia – Adelphi

William Blacker, Lungo la via incantata. Viaggio in Transilvania – Adelphi

Santa Teresa d’Avila, Il libro della mia vita – Mondadori

 

Simonetta Agnello Hornby, La mennulara – Feltrinelli

Simonetta Agnello Hornby, Un filo d’olio – Sellerio

Simonetta Agnello Hornby, Vento scomposto – Feltrinelli

Simonetta Agnello Hornby, La zia marchesa – Feltrinelli

Santo Piazzese, Blues di mezz’autunno - Sellerio

Santo Piazzese, La doppia vita di M. Laurent – Sellerio

Santo Piazzese, Il soffio della valanga – Sellerio

Leonardo Sciascia, La scomparsa di Majorana – Adelphi

Leonardo Sciascia, Una storia semplice – Adelphi

Leonardo Sciascia, La Sicilia e il suo cuore. Favole della dittatura – Adelphi

Leonardo Sciascia, Il giorno della civetta – Adelphi

Leonardo Sciascia, Todo modo – Adelphi

Leonardo Sciascia, Porte aperte – Adelphi

Mario Puzo, Il padrino – Corbaccio

Luigi Pirandello, Lumie di Sicilia – Garzanti

Filippo Nicosia, Pianissimo. Libri sulla strada – Terre di mezzo

Roberto Alajmo, L’arte di annacarsi – Laterza

Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il gattopardo – Feltrinelli

Federico De Roberto, I vicerè – Mondadori

Davide Enia, Italia-Brasile 3 a 2 – Sellerio

Giuseppina Torregrossa, Panza e prisenza – Mondadori

Giuseppina Torregrossa, Il conto delle minne – Mondadori

Andrea Camilleri, Il casellante -  Sellerio

Andrea Camilleri, Maruzza Musumeci -  Sellerio

Andrea Camilleri, Il sonaglio  -  Sellerio

Andrea Camilleri, La bolla di Componenda  -  Sellerio

Andrea Camilleri, Le pecore e il pastore  -  Sellerio

Andrea Camilleri, La strage dimenticata -  Sellerio

Andrea Camilleri, Il birraio di Preston -  Sellerio

Andrea Camilleri, La concessione del telefono -  Sellerio

Andrea Camilleri, La setta degli angeli -  Sellerio

Andrea Camilleri, La regina di Pomerania -  Sellerio

Andrea Camilleri, La rizzagliata -  Sellerio

Andrea Camilleri, Il giro di boa -  Sellerio

Andrea Camilleri, Il cane di terracotta -  Sellerio

Andrea Camilleri, La vampa d’agosto -  Sellerio

Glenway Wescott, Appartamento ad Atene – Adelphi

Lorenzo La Marca, I delitti di via Medina-Sidona – Sellerio

Gesualdo Bufalino, Diceria dell’untore – Bompiani

Gesualdo Bufalino, Le menzogne della notte – Bompiani

Goliarda Sapienza, L’arte della gioia – Einaudi

Nino Martoglio, poesia: L’aria del continente

Nino Martoglio, poesia: Centona

 

L’AMURI

- Mamà, chi veni a diri “’nnamuratu” ?
- Voldiri… un omu ca si fa l’amuri.
- E amuri chi voldiri ? – E’ un gran piccatu;
è ‘na bugia di l’omu tradituri !

- Mamà…, ‘un è tantu giustu ‘ssu dittatu…
ca tradimenti non n’ha fattu Turi !
- Turiddu ? E chi ti dissi, ‘ssu sfurcatu ?
- Mi dissi… ca pri mia murìa d’amuri !

- Ah, ‘stu birbanti !… E tu, chi ci dicisti ?…
- Nenti ! Lu taliai cu l’occhi storti…
- E poi ?… – Mi ni trasii tutta affruntata !…

- Povira figghia mia ! Bonu facisti !…
E… lu cori ? – Mi batti forti forti !…
- Chissu è l’amuri, figghia scialarata !

(Nino Martoglio)

 

STRADE PARALLELE (aria di Sicilia)

Duminica jurnata di sciroccu
Fora nan si pò stari
Pi ffari un pocu ‘i friscu
Mettu ‘a finestra a vanedduzza
E mi vaju a ripusari
Ah! Ah! ‘A stissa aria ca so putenza strogghi ‘u mo pinzeri
Ah! Ah! ‘U cori vola s’all’umbra pigghi forma e ti prisenti
nan pozzu ripusari.
‘U suli ora trasi dintr’o mari
e fannu l’amuri
‘un c’è cosa cchiù granni
tu si la vera surgenti
chi sazia i sentimenti
Ah! Ah! ‘A stissa aria ca so calura crisci e mi turmenta
Ah! Ah! ‘U cori vola sintennu sbrizzi d’acqua di funtana
‘ndo mo’ jardineddu mi piaci stari sula.
Ah! Ah! ‘A stissa aria ca so calura crisci e mi tormenta
Ah! Ah! ‘U cori vola sintennu sbrizzi d’acqua di funtana
‘ndo mo jardineddu mi piaci stari sulu
mi piaci stari sula

(Franco Battiato e Giuni Russo)

 

Fried Erich, E’ quel che è – Einaudi

Liliana Bucellini, Il Che: l’amore, la politica, la rivolta - Zelig

Mario Capanna, Formidabili quegli anni – Garzanti

Alcide Cervi, I miei sette figli – Einaudi

Ma Jian, Polvere rossa – Neri Pozza

Alberto Franceschini, Mara, Renato ed io – Mondadori

A. A. Milne, Il dramma di Corte Rossa – Polillo

Ernest Hemingway, I quarantanove racconti – Mondadori

Michele Serra, Gli sdraiati – Feltrinelli

Giovanni Verga, Rosso malpelo

Jules Renard, Pel di carota – Feltrinelli

Bernardo Pacini, Cos’è il rosso – Ed. della Meridiana

Anchee Min, Azalea rossa – Guanda

Mo Yan, Sorgo rosso – Einaudi

Carl G. Yung, Il libro rosso – Bollati Boringhieri

Alessandro d’Avenia, Bianca come il latte, rossa come il sangue – Mondadori

Stefano Benni, Le beatrici – Feltrinelli

Joanne Harris, Chocolat – Garzanti

Friedrich Dürrenmatt, La promessa – Feltrinelli

Antonio Gramsci, Lettere dal carcere – Einaudi

Benedetta Cibrario, Rossovermiglio – Feltrinelli

Anilda Ibrahimi, Rosso come una sposa – Einaudi

Stendhal, Il rosso e il nero – Feltrinelli

Margriet de Moor, Il pittore e la ragazza – Neri Pozza

 

BAMBINI A SINISTRA

Chi dice ai bambini

dovete pensare a destra

è di destra

chi dice ai bambini

dovete pensare a sinistra

è di destra

Chi dice ai bambini

non dovete pensare affatto

è di destra

chi dice ai bambini

quel che pensate è indifferente

è di destra

Chi dice ai bambini

quello che lui pensa e dice loro anche

che vi potrebbe essere qualcosa di sbagliato

è forse di sinistra.

(Erich Fried)

 

SEMA-PHOROS

La mia fortuna è che so sterzare d’istinto

Starnazzo al pedone:

“Idiota ma lo sai cos’è il rosso?”.

E riparto paonazzo

non prima

però

di sentire lieve

ma distinto:

“E tu

lo sai

cos’è il rosso?”

(Bernardo Pacini)